Le mète della mia metà

Il mio compagno ama le antichità, (non si accettano battute). La sua mèta a Marsala era Capo Lilibeo. Scesi dal treno, sì siamo andati in Sicilia e ci siamo spostati con mezzi pubblici ( si-può-fareee!), individuato il percorso per arrivare alla mèta, ci siamo incamminati. Io ero già stanca, al passo numero cinque, ero già stanca.

Comunque, nonostante ciò, andiamo avanti, cioè lui va avanti e io arranco dietro sul corso principale di Marsala. Un corso con negozi, persone che passeggiano, turisti.

Siamo a Marsala, che cosa ci sarà nel corso principale? Esatto:le cantine del Marsala. Almeno una decina di luoghi dove si vende ottimo vino, mediocre vino ma sempre buonissimo, dolcetti tipici. Il nostro oltrepassa ogni locale, ignora ogni richiamo, sempre diretto alla mèta. ( Arrivati a casa quando gli amici chiedevano: ma, avete bevuto quel marsala buonissimo?, la nostra risposta era un imbarazzo palpabile).

In fondo a quel corso, oltrepassata Porta Garibaldi, sulla destra si trova un giardino pubblico dove ammetto di aver fatto un sonnellino, sdraiata su una panchina di marmo, comodissima.

Di fronte, dall’altra parte della strada, e già la luce era più bianca, il cinema Impero. Enorme, quasi sul mare. Di fianco un bel cancello moderno: l’ingresso del parco archeologico. Arrivati.

( Nel parco, fra le altre cose, anche le immagini che precedono e seguono).

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...