La gabbia dei matti

Serena lavora nella Gabbia dei matti. Nella gabbia dei matti ci lavoriamo tutti, si dirà.

Ok, si è vero, ma Serena lavora nella Gabbia dei matti che di lavoro fanno quelli che aiutano i matti. A mio modesto avviso, c’è un po’ di differenza.

I matti della Prima specie, diciamo così, hanno a volte camici bianchi, orari di lavoro estenuanti, scambiano chiacchiere alla macchinetta del caffè e stipendi piuttosto interessanti a fine mese.

I matti della Seconda specie non portano camici ma normali vestiti dai colori sempre poco azzeccati, hanno pance traballanti – uomini e donne – adorano sigarette e caffè, devono attenersi strettamente alle regole e non ricevono stipendio da nessuno.

clikka qua per leggere ancora

Annunci

Autore: melaniaceccarelli

Ho compiuto cinquant'anni qualche mese fa e non è stata una bella sensazione. Dal momento che il tempo passa comunque, cerchiamo di imparare qualcosa. Non ho sempre voluto scrivere. Mi sembra importante dirlo subito perché forse questo fa di me una aspirante scrittrice un po' anomala ed è bene essere sinceri, se si apre un blog. Ho fatto un sacco di cose, fino ad ora, compresi sette traslochi nella mia vita, fino ad ora, cosa che implica che, a questo punto, io non abbia più paura di niente. Ho scritto un libro sulla mia esperienza in Brasile, dal titolo Un figlio in prestito. E' un romanzo, non racconta niente di epico o di particolarmente coraggioso. E' solo un romanzo.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...