ma, chi ha più bisogno?

Ma quante sono le persone che nel mondo, oggi, vivono sotto la soglia della povertà, scappano da guerre e carestie, fuggono da regimi dittatoriali. Tantissime. Lo vediamo, ogni giorno.

E quante sono le fabbriche che in Italia, in Toscana, chiudono, lasciando senza lavoro e quindi senza reddito i propri dipendenti e impoverendo così larghi strati di popolazione. Tante.

Immagino che ci sia, anzi, sono sicura che c’è chi si chiede? Dobbiamo aiutarli tutti, e, tutti noi?

E chi prima e chi dopo? Quest’ultima soprattutto, è una domanda che si fa un sacco di gente, che pensa di non essere razzista ma lo è.

Non che non sia una buona domanda, ci sono sicuramente situazioni più urgenti di altre, come al pronto soccorso, ci sono i codici rossi, verdi, azzurri e bianchi. Non entra per primo chi per primo è arrivato ma chi sta peggio, chi è maggiormente in pericolo di vita.

Allora, che senso ha mettere foto di profughi col cellulare accanto al classico bambino africano scheletrico e scrivere: ecco? vedete? quel bambino ha bisogno, lui sì che ha bisogno!!

E’ una affermazione razzista, questa è la mia opinione. La risposta alla domanda: chi ha bisogno è: entrambi, ovviamente. E chi entra per primo di decide in base a chi è in pericolo di vita.

Ma non è questo che il razzista in questione voleva sentirsi dire. Sono convinta che il punto sia un altro. A lui/lei, infatti, non torna una cosa: che ci siano persone che provengono da paesi che lui ritiene sottosviluppati che hanno il cellulare, cioè sanno usare la tecnologia. L’immagine del sottosviluppo, infatti, per certe persone è rimasta ferma al bambino con la pancia gonfia. E’ il bambino con la pancia gonfia che rassicura il razzista, con lui si può essere buoni, inviare aiuti, mandare dottori e infermiere, invece, il profugo col cellulare che arriva in Europa minaccia direttamente il nostro benessere, non si accontenta del pugno di riso, vuole partecipare al banchetto. In questo senso il razzista è egoista.

Intendiamoci, non fa piacere a nessuno immaginare che presto ci saranno migliaia di persone a contenderci anche lavori qualificati, perché finché si tratta di raccogliere i pomodori non ci sono problemi, vengano pure. Chi ha figli si pone, giustamente, il problema. Il punto è che questa situazione l’abbiamo creata noi occidentali. Con cinquecento anni di sfruttamento, con il non intervento in guerre disastrose, intervenendo invece quando dovevamo stare a casa nostra. E’ noto ormai che il 20% della popolazione consuma l’ 80% delle risorse del pianeta ( circa). Ciò significa che l’ 80% della popolazione vive con il 20% delle risorse.

Ora, siccome loro sono molti di più e molto più giovani, che cosa volevamo: che morissero di fame, a casa loro, e zitti??!

campo profughi_di_Zaat_ari_territorio_giordano_poco_distante_dalla_citt_di_Mafraq_lungo_il_confine_con_la_Siria