Flusso di coscienza

piazza della vergognaPiazza del Municipio, Palermo

1985

Dal freddo delle acque dell’Arno, in parte gelate, con le rive fonde di neve, esce un rivolo d’acqua che scorre con difficoltà. Attraversa ostacoli bassi, cespugli e arbusti di stecchi ghiacciati che scendono verso il ventre di poliziotti assassinati, riversi sull’asfalto. Scomposti manichini osservati da occhi stupiti, per l’ennesima volta, umidi di lacrime ormai esaurite.

 

 

Annunci

Io bambina

Nella foto col grembiule bianco e il fiocco arancio, durante la festa di carnevale in classe, hai, come sempre, lo sguardo un po’ altrove.
“Questa bimba ha la testa fra le nuvole, ha molta fantasia, diceva la maestra”.
Nella mia famiglia di onesti e concreti proletari tutto ciò era sospetto.

clikka qua per leggere ancora