Io bambina

Nella foto col grembiule bianco e il fiocco arancio, durante la festa di carnevale in classe, hai, come sempre, lo sguardo un po’ altrove.
“Questa bimba ha la testa fra le nuvole, ha molta fantasia, diceva la maestra”.
Nella mia famiglia di onesti e concreti proletari tutto ciò era sospetto.

clikka qua per leggere ancora

 

Annunci

Appunti siciliani di un viaggio con i mezzi pubblici

Mi sto documentando riguardo lo sviluppo sostenibile e mi è venuto in mente il viaggio in Sicilia, la scorsa estate. Siamo andati (Riccardo ed io) con l’aereo da Pisa a Trapani e poi abbiamo girato l’isola con i mezzi pubblici. Gli amici, quando parlavamo di questa nostra decisione, si stupivano molto: è opinione comune e assodata che in Sicilia non funzioni niente e quindi bisogni affittare un auto per spostarsi. Prendere un auto in affitto è più comodo forse, certo più veloce, riesci a fare più tappe, visiti più città/paesi/monumenti. Ma non è quello che ci interessa, la velocità. Fare la Sicilia non era il nostro obiettivo. Il nostro obiettivo era visitare la Sicilia, andare a vedere posti di cui avevamo letto o sentito parlare e che ci avevano molto incuriosito.  Quindi abbiamo fatto questo programma:

Arrivo a Trapani da Pisa in aereo poi a Palermo in bus. Visita di Palermo. Di nuovo a Trapani in bus e da Trapani e Favignana in aliscafo. Poi di nuovo a Trapani e da lì ad Erice con la funivia, a Marsala, in treno e a Segesta in autobus.

 Avevo tenuto un taccuino. Ecco l’inizio del viaggio.

01/07/ 2015 Palermo, mattina.

Case romane: sei operai/custodi del comune seduti all’ombra; pochi cartelli di spiegazione, sporchi.

Il palmeto più grande d’europa, bellissimo, vento fresco.

Case con strette finestre ogivali, come in Marocco.

Ieri pomeriggio a Ballarò pareva di stare in certi quartieri brasiliani o africani: solo neri in giro, case fatiscenti.

Riccardo è salito su una torre campanaria, lo aspetto giù-

A me u dici? Ma che te pare? U cirividdu l’aio!

Cena a Piazza Marina

Bevo un sacco e mangio poco, il caldo mi ha tolto il “pititto” ( tanto è impossibile non pensare a Camilleri). Non riesco a mandare via i pensieri che riguardano il lavoro.

Mentre camminava per via Vittorio Emanuele, nel centro cittadino, con palazzi monumentali alti due e tre piani, svoltò per caso a sinistra e vide una foresta di aste beccheggiare al vento. Fu così che si ricordò che a Palermo c’è il mare.”

Sul lungomare dopo il Foro italico, dentro i bastioni, ci sono i caffè. Un cantante bravo , accompagnato da un gruppo più che decente, sta tenendo un concerto sopra il bastione. Noi sotto, seduti su una panchina, mangiando un gelato buonissimo costato 1,80, lo ascoltiamo. Raramente ho visto Riccardo così felice, diventa loquace, più del solito, canta, mi bacia. Vorrebbe stare lì tutta la notte. Io ricambio, lo bacio sulla guancia che mi porge, mi siedo anche sulle sue ginocchia, provocando curiosità in una bambina che passa. Poi mi alzo e do’ 50 centesimi di elemosina ad un barbone lì vicino. Magro, sporco di strati di sporco differenti, con una bici e un carrettino agganciato con sopra di tutto, comprese due grandi piante. Il suo cane dorme sdraiato sull’erba del prato, sotto un cespuglio.

02/07/2015 Palermo, mattina

All’orto botanico sembra di essere nell’ottocento. Alla biglietteria due impiegati litigano, forse parlano solo con molto animo. Gli impiegati nei luoghi turistici ( musei, chiese)  sembrano stare a casa. Nessuno che indossi una divisa o porti almeno un cartellino di riconoscimento. Scopro all’uscita che i due impiegati che litigano sono padre e figlia.

Riccardo si è perso nel giardino, prima o poi riemergerà.

La calma, gli uccelli, gli insetti laddove gli alberi sono più fitti e più presente è l’ acqua, sono elementi di un quadro naturalista di fine ottocento.

Oggi ho camminato tanto, almeno fino alle quattro, sotto un sole pesante. Stasera sono esausta, a malapena sono riuscita ad arrivare al ristorante per cenare.

03/07/2016 Da Palermo a Trapani

da Lezioni americane. La rapidità.

Il simbolismo di un oggetto può essere più o meno esplicito ma esiste sempre. Ptoremmo dire che in una narrazione un oggetto è sempre un oggetto magico”.

Riccardo è andato a comprare i biglietti del bus per Trapani, io lo aspetto in albergo, scrivendo e leggendo.

Dalla porta a vetri dell’atrio, con il pavimento di marmo lucido, si vedono le pareti alte dei palazzi che formano un piccolo cortile, quai di lato. Muri neri, pareti crollate tra macerie segnate dal nastro a strisce bianco e rosso, che sventola al vento. Gattini piccoli e magri che giocano là in mezzo.

C’è anche un terrazzino con vasi di piante grasse forse dimenticate dall’ultimo proprietario, cinquant’anni fa.

A Palermo ci sono le celle dell’inquisizione, a palazzo Chiaromonte-Steri. E c’è una ragazza con occhi verdi ed occhiali, laureata e specializzata, che fa la guida volontaria. Mentre parla, leggendo e traducendo le iscrizioni tracciate dai prigionieri con il nerofumo sulle pareti, si capisce che è appassionata, competente e desiderosa di far capire.

Il viaggio in bus per Trapani è tranquillo, su un bus grande e fresco. Non è difficile viaggiare con i mezzi pubblici, volendo.

E’ più di un’ora che aspettiamo l’aliscafo, sotto un tendone a cinque metri da mare. E’ più di un’ora perché, per la prudenza di Riccardo, siamo partiti con largo anticipo. Comunque l’attesa è riposo, al fresco, ascoltando pezzi di conversazione altrui, in siciliano.

Calvino parla di rapidità.

Sono convinto che scrivere prosa non dovrebbe essere diverso dallo scrivere poesia, in entrambi i casi è ricerca di un’espressione necessaria, unica, densa, concisa, memorabile.”

L’arrivo a Favignana coincide con l’ora della luce d’argento, dei guizzi e dei bagliori sulle increspature del mare che amavo molto da bambina quando si andava a Viareggio. Dopo pranzo facevamo il riposino e quindi arrivavamo al mare dopo le cinque, l’ora del mare argentato appunto, e del sole calante, della luce rasente l’acqua.

La traversata è durata meno di un’ora e non ha avuto senso perché dentro l’aliscafo non si vede il mare e non si sente il vento. Mai più aliscafo.

04/07/2015

Erano vent’anni almeno che non andavo in bici. Siamo partiti per andare verso Lido Burrone ma ci siamo fermati prima, in una piccola caletta scogliosa con il mare verde e blu e scogli smussati, levigati dove non ci si fa male a camminare.

Abbiamo poi ripreso la bici per andare a cercare un po’ d’ombra, che è il nostro primo giorno di sole e non ci sono pini sotto cui ripararsi.

Al tavolino di un bar gestito da romagnoli dove c’è frutta, verdura e molto altro ci siamo riposati e rinfrescati. Abbiamo ripreso le bici per andare in un altra cala dove un altro chiosco sulla scogliera ci ha offerto ombra e ristoro.

Era come essere nell’Odissea, sulla scogliera centinaia di fossili, la collina chiamata Monte Alto davanti a noi con i ruderi del vecchio forte per l’ avvistamento dei saraceni sulla sommità.

Scogli bassi, con fori minuscoli, come spugne.

Metis: un modo di stare al mondo

Con alcune amiche da un po’ di mesi stiamo riflettendo sul concetto di Metis, conosciuta come “l’intelligenza femminile”. Ma non è roba solo per donne. Vediamo cos’è.

Metis, figlia di Oceano e Teti è la personificazione di alcune virtù che si ritrovano principalmente, anche se non esclusivamente, nelle donne. Metis è la personificazione dell’intelligenza astuta, la capacità di superare gli ostacoli aggirandoli. Più acqua che ferro, più pervasiva che penetrante, più tenace e paziente che forte e prepotente. E’ la madre di Atena che, come il suo animale simbolo, la civetta, vede nel buio: scorge prima, intuisce, come se già sapesse sa dosare le parole e la forza. Non è un caso che l’eroe protetto da Atena, il suo preferito sia il polimorfo Ulisse.
Pensare più a lungo, riflettere sul discorso e sulla relazione, osservare le forze in gioco. Diventare fluidi.
Politropia: volgersi in più direzioni, riuscire ad agire in situazioni complesse n cui è fondamentale tenere insieme le svariate componenti che informano sul contesto. ( Sintesi da articoli di Simona Paravagna e Mauro Pellegrini)

Potrebbe essere, anzi, è un modo di stare al mondo.

Potrebbe essere un modo di fare politica, di risolvere le controversie internazionali. E’ contrapposta alla forza, all’impulsività, alla voglia di vincere annientando l’avversario. Tenacia e pazienza invece che forza e prepotenza. Penso ai movimenti ambientalisti, scomparsi nel nostro paese, e a quelli pacifisti, idem. E’ con tenacia e pazienza, con la loro pervasività che, nel passato, hanno raggiunto risultati inaspettati.
E ora? Ci siamo lasciati convincere da una retorica preistorica: una clava in mano e via!, in testa a tutti quelli che non la pensano come me. Ma non tutto è perduto.

Sopratutto, niente è perduto se pensiamo ad Ulisse. Cos’è che lo fa tornare a casa? La tenacia, la pazienza, la furbizia, l’intuizione, la capacità di inventare soluzioni creative.

La gabbia dei matti

Serena lavora nella Gabbia dei matti. Nella gabbia dei matti ci lavoriamo tutti, si dirà.

Ok, si è vero, ma Serena lavora nella Gabbia dei matti che di lavoro fanno quelli che aiutano i matti. A mio modesto avviso, c’è un po’ di differenza.

I matti della Prima specie, diciamo così, hanno a volte camici bianchi, orari di lavoro estenuanti, scambiano chiacchiere alla macchinetta del caffè e stipendi piuttosto interessanti a fine mese.

I matti della Seconda specie non portano camici ma normali vestiti dai colori sempre poco azzeccati, hanno pance traballanti – uomini e donne – adorano sigarette e caffè, devono attenersi strettamente alle regole e non ricevono stipendio da nessuno.

clikka qua per leggere ancora

affari e famiglia

degas, affari di famiglia

Il termine “matrimonio” deriva dalla parola latina “munus” cioè ricchezza, proprietà.

Matrimonio, quindi, ha indicato per secoli una unione a carattere essenzialmente negoziale e patrimoniale, realizzata tra due persone ma che andava ben al di là di loro. Era un fatto sociale, generava alleanze e, per questo, sviluppava solidarietà materiale e morale all’ interno di un gran numero di persone, la parentela allargata. L’amore, l’ intimità erano secondari rispetto ai duraturi effetti sociali del matrimonio.

clikka qua per leggere il resto

quello che conta

In questo periodo il lavoro non sta andando bene. Percorsi che avevo iniziato non si stanno realizzando pienamente, come dovrebbe essere. Uno dei pensieri che mi frulla in testa è: questo percorso che non si realizza non è però pienamente quello che vorrei.

Quello che vorrei veramente è qualcosa d’altro. Allora perché insisto su questa strada, che mi si sta chiudendo davanti?

Le motivazioni ci sono, ovviamente, ma sono piuttosto motivazioni razionali e non passionali.

Ma allora perché non seguo il cuore? Perché a volte le condizioni e i limiti della realtà, con cui ovviamente dobbiamo fare i conti, necessariamente condizionano il mio (nostro) agire.

Certo è però che, in questi momenti di crisi e quindi di scelta (crisi da krinèin, verbo greco che significa distinguo, separo, scelgo), la forza che ho dentro, quell’impulso vitale che è mio ( come di ognuno) torna a farsi sentire in maniera sempre più evidente e si fa strada con i gomiti attraverso le pastoie della ragione fino ad arrivare alla coscienza, al cuore e alla pancia.

La cosa più importante, però, e me ne rendo conto in maniera palpabile, è la consapevolezza che amarsi ( e lasciarsi amare), volersi bene ed accettarsi sono le fondamenta di tutto quello che di buono mi (ci) arriverà nella vita.

IMG_3904_modificato